Facebook Pixel Code
ITA
 
ENG
 
DEU
 
FRE
 
 
 
 
07 | 07 | 2016
Campagna Basilico 2016


Leggi tutto
15 | 04 | 2016
I risultati della campagna olio CLAS 2016


Leggi tutto
19 | 01 | 2016
CLAS pronta allo sbarco in Asia


Leggi tutto
27 | 11 | 2015
Marca by BolognaFiere


Leggi tutto

 

NEWS

Condimenti per vegani: la salsa leggera (senza uova) vegana biologica di CLAS


  12/11/2015


Condividi:

La creazione di una nuova linea di condimenti per vegani rientra nel progetto presentato dal Laboratorio Ricerca & Sviluppo di CLAS ad inizio anno, in base agli obiettivi da raggiungere in termini di sviluppo nuovi prodotti. Da qui, l’idea di una ricetta completamente nuova ed innovativa, attenta alla qualità ad alle nuove tendenze di mercato: la salsa leggera vegana biologica.

Su questo abbiamo intervistato il nostro R&D Manager Andrea Tacchini.

> Come è nato questo nuovo progetto?
All’interno della gamma e su specifiche indicazioni del Direttore Commerciale anche a seguito di una richiesta ricevuta da parte della Grande Distribuzione italiana, si è deciso di ricettare una salsa leggera biologica tipo “mayo“. Da qui, abbiamo avviato un vero e proprio studio di fattibilità, per contemplare tra il resto la verifica della presenza o meno sul mercato di un prodotto “me too“ di successo da parte della concorrenza.
Alla fine dello studio si è deciso di proporre una nostra versione rivolta al consumatore vegano, soprattutto in funzione della crescita significativa in termini di consumi relativa a questa tipologia di soggetti. È infatti calcolato che in Italia circa 4,2 milioni di persone sono vegetariane e vegane.

> Dopo l’avvio, in quali fasi il progetto è stato strutturato e tutt’ora si sviluppa?
Il progetto è articolato in cinque fasi, cinque step fondamentali che in CLAS vengono attuati per lo sviluppo di ognuno dei nostri nuovi prodotti.

Punto 1. La definizione dei requisiti di base

In questa fase si stabiliscono di fatto le caratteristiche del prodotto, dell’imballo, della shelf life, del costo industriale, verificando il rispetto di tutte le normative italiane e comunitarie sull’etichettatura dei prodotti alimentari e gestendo l’analisi dei rischi connessi alla realizzazione di un nuovo prodotto.

Punto 2. La prova sperimentale

È la fase della realizzazione delle ricette in laboratorio, con la scelta delle materie prime, delle definizioni degli standard di prodotto e delle valutazioni organolettiche. La ricetta elaborata a nostro parere riscontrerà un consenso importante da parte del consumatore finale. Siamo riusciti a equilibrare il gusto nonostante l’assenza dell’uovo, ad ottenere una consistenza giustamente vellutata grazie all’uso delle proteine di soia, ma soprattutto a contenere l’apporto calorico.  

Punto 3. Approvazione del committente della prova sperimentale

In questa fase si sottopongono di fatto all’attenzione del committente i nuovi campioni realizzati, per l’approvazione.

Punto 4. Pianificazione della prova industriale

Si approvvigionano le materie prime previste nella ricetta e si verificano le caratteristiche come da specifiche ed indicazioni fornite nello sviluppo della prova sperimentale.

Punto 5. Prova industriale e validazione

È la parte conclusiva del percorso di Ricerca e Sviluppo e di fatto la più delicata ed importante per la buona riuscita del progetto. In questa fase si stabiliscono tutti i parametri di processo (trattamento termico) e la specifica di prodotto finito (parametri chimico fisici, organolettici, microbiologici) al fine di ottenere un prodotto sicuro e che rispetti le normative vigenti.

Anche per la salsa leggera (senza uova) vegana biologica di CLAS il percorso seguito è stato questo, nel costante rispetto verso ogni fase produttiva per garantire un’ottima qualità nel prodotto realizzato, nell’attenzione verso i nostri Clienti, e di rimando, anche verso il più esigente consumatore finale.


Vai alle news
Questo sito utilizza i cookies: cliccando su CHIUDI o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies.   Informativa CHIUDI